Domenica di corsa

aprile 13, 2007 in Sport da Claris

maratona 2006Sarà una domenica particolare la prossima, una domenica ginnica per tutti. Infatti saranno ben 3 gli appuntamenti tra cui scegliere: la classica maratona di Torino, la popolare StraTorino e la corsa dei piccoli, la Topolino Marathon.

Si sente tante volte nei discorsi ufficiali il termine sinergia, ma sono troppo poche le volte in cui questo termine viene applicato. Ed invece, miracolo! Lo sport ha saputo coniugare tre differenti manifestazioni in una proposta di domenica sana ed all’insegna della pratica sportiva sana, competitiva o no.

E non solo, perché c’è un gustoso aperitivo, venerdì 13 sera: il concerto gratuito, de Le Vibrazioni.

In piazza Castello, alle ore 21.00, a scopo benefico la rock band italiana, rivelazione del panorama musicale internazionale, ci darà una fantastica occasione per assistere a uno grande spettacolo e sostenere la Fondazione La Stampa Specchio dei Tempi con una raccolta fondi sul c/c postale 79653341.

Iniziamo parlando della corsa regina, la mitica Maratona, tra l’altro la più antica d’Italia. Le novità sul percorso della Turin Marathon 2007 sono molte e non si limitano solamente alle zone di partenza e arrivo, ma allo sviluppo stesso del disegno dei 42 km. Andando oltre al dettaglio delle vie attraversate, il tracciato sarà caratterizzato da un andamento iniziale verso il sud della Città e poi dal passaggio nelle Città di Moncalieri, Nichelino e Beinasco. Successivamente al ritorno sul lungo Po, ci sarà un passaggio nella zona nord di Torino, che permetterà di ritornare verso la centrale piazza Castello, attraverso angoli suggestivi e nuovi per la maratona. Le Porte Palatine sono un esempio. Una volta percorsa via XX settembre, i concorrenti svolteranno in via Santa Teresa per portarsi sul rettilineo finale di via Roma, che li condurrà a tagliare il traguardo qualche metro dopo le fontane di piazza Castello. La mezza maratona (21,097 km) sarà posizionata nella centrale via XXV aprile di Nichelino.

Il percorso della Stratorino (10,700 km) sarà simile a quello della maratona nei suoi primi chilometri. La partenza sarà data in via Roma angolo via Bertola, di fronte al Salone La Stampa, e dopo aver percorso il tratto di piazza Castello, che congiunge via Roma con via Po, i partecipanti della Stratorino potranno percorrere idealmente il tracciato dei maratoneti, partiti qualche minuto prima, fino alla rotonda di piazza Polonia. Unica differenza sarà il loro passaggio sulla carreggiata sinistra di corso Massimo d’Azeglio. A quel punto il serpentone colorato della Stratorino tornerà indietro, immergendosi nel Parco del Valentino sulla ciclopista del Po per poi riprendere corso Cairoli e Lungo Po Diaz e risalire da piazza Vittorio e via Po fino a piazza Castello, dove si immetterà in via Accademia delle Scienze e successivamente svolterà in via Cavour e percorrerà il rettilineo finale di via Roma. La linea del traguardo sarà in piazza San Carlo. I partecipanti saranno accolti da musica e animazione. Ognuno riceverà dopo il taglio del traguardo una medaglia ricordo e potrà partecipare all’estrazione di importanti premi.

La Topolino Marathon delle migliaia di bambini prenderà avvio da piazza Carlo Felice e giungerà in piazza Castello sullo stesso traguardo della Turin Marathon, percorrendo l’intera via Roma.

Una delle novità della Topolino Marathon 2007 è la realizzazione del progetto Scopriamo la maratona, che insieme alla Regione Piemonte e alla FIDAL Piemonte porterà a gareggiare i ragazzi delle scuole medie inferiori, che avranno superato le fasi provinciali. Questo progetto rientra in quello più ampio, denominato Atletica è smile, che permette ai giovani di apprezzare la competizione e l’atletica leggera praticata in pista e su strada.

Dai giovani amanti dello sport a grandi campioni il passo può essere breve. Lo dimostra il cast degli top atleti che animeranno la Turin Marathon 2007.

In campo maschile la scena è aperta. Gli atleti italiani al via sono accreditati con i migliori crono personali e si tratta di Danilo Goffi (2h08’33’’), Daniele Caimmi (2h08’59’’) e Giovanni Ruggiero (2h09’53’’). I tre atleti tricolore si batteranno fino all’ultimo per staccare un biglietto per la partecipazione ai Mondiali in programma il prossimo agosto a Osaka, anche se il più determinato a spuntarla sembra essere l’atleta marchigiano Caimmi. Per loro non sarà, comunque, da considerarsi un’impresa semplice da portare a compimento vista la schiera di ragazzi africani, che sulla carta sembrano poter correre nel secondo gruppo ma che, mossi alcuni dal desiderio di provare l’esperienza della maratona, come avverrà per i “nuovi” Justus Kiprono, Fred Kosgei e Philemon Tarbei, e altri dal desiderio di migliorare il proprio crono, tenteranno di dimostrare il loro valore. Parliamo del keniano Alfonsi Yatich (2h10’58’’), fratello del qatarino Mubarak Shami, del marocchino Abdelkebir Lamachi (2h11’08’’) e del keniano Yusuf Songoka, accreditato del tempo di 2h11’14’’.

In campo femminile, si attende una gara avvincente, che potrebbe portare, se tutte le condizioni (tempo e forma fisica) saranno confermate, al raggiungimento di un’ottima prestazione cronometrica. L’attesa è per l’ungherese Aniko Kalovics. Dopo il 2h26’43’’ fatto segnare a Carpi nella sua prima maratona, ha dimostrato durante tutto l’inverno di preparare la maratona torinese con impegno, dando degli ottimi segnali nei test effettuati e nelle gare disputate. Anche il risultato più recente, di domenica scorsa alla Stramilano (mezza maratona), 1h08’58’’, fa sperare davvero bene per l’atleta magiara e per la maratona torinese, che ritroverebbe una prestazione di rilievo internazionale. A renderle la strada tormentata potrebbe essere la keniana Caroline Kwambai (2h 28’47’’). Dopo una preparazione in parte portata avanti a Nairobi, alternando gli allenamenti al lavoro nelle Prison, la sua squadra, ha dato buoni segnali di efficienza nelle mezze maratone di Parigi e Praga. A dimostrare il proprio valore di maratoneta, l’italiana Deborah Toniolo (2h 28’31’’), che cercherà di infastidire l’ungherese e la keniana e di ottenere una buona prestazione, che le permetta di affrontare con fiducia in Giappone la maratona iridata.

La collaborazione con FIDAL e Turin Marathon fa parte del perccorso per accrescere la pratica sportiva in Piemonte – ha dichiarato Giuliana Manica, assessore al turismo, Sport e Pari Opportunità della Regione – In quest’ottica come Regione abbiamo voluto promuovere un momento di confronto internazionale, che ospitiamo il 12 aprile al centro congressi Torino Incontra. Il convegno è aperto dagli interventi di rappresentanti di quattro grandi Regioni d’Europa che ci racconteranno la loro cosiddetta “governance” dello sport, fondata su di una ben delineata “politica pubblica” e su di un deciso ruolo dei governi regionali, a differenza del caso italiano. Ci sarà, anche, il sottosegretario allo Sport Lolli, mentre nel pomeriggio, si svolgerà una tavola rotonda che avrà il focus sul diritto allo sport. Stiamo lavorando per creare, in Piemonte, una fondazione che si occupi stabilmente di sostenere iniziative rivolte allo sport pulito e allo sport per tutti, ancor più in questo che è l’Anno Europeo per le pari Opportunità”.

di Claris