Del Piero, la Juve e la Lazio

marzo 16, 2001 in Sport da Roberto Grossi

Del Piero e la Juve nuovamente uniti

Dopo aver scontato il turno di squalifica conseguente all’espulsione rimediata a Udine, Alessandro Del Piero è nuovamente pronto a rituffarsi nella bolgia infernale del campionato. Le condizioni fisiche e psichiche di Pinturicchio, per sua stessa ammissione, sono ottime, ed il lungo momento buio sembra ormai definitivamente alle spalle, archiviato come pratica non gradita ma necessaria per ritrovarsi. Ovvio quindi che i tifosi bianconeri si aspettino domenica sera da lui la zampata del campione, il colpo di genio che tramortisca definitivamente la Lazio e dia nuova e concreta linfa alle speranze-scudetto juventine.

Ancelotti non ha fornito alcuna comunicazione ufficiale sull’undici che scenderà in campo all’Olimpico, ma le indicazioni emerse nel corso della settimana portano tutte verso un’unica direzione: in attacco Del Piero affiancherà l’amico-nemico Inzaghi, con Trezeguet e Kovacevic destinati alla panchina. E il numero dieci non nasconde la sua gran voglia di mettersi in mostra: “Naturalmente non ho la certezza di giocare – si nasconde per un momento Del Piero – ma è ovvio che se non scendessi in campo all’Olimpico proverei amarezza e delusione, gli stessi sentimenti che hanno tutti quelli che finiscono in panchina, è normale”.

L’incerta prestazione della Juve contro la Reggina è stata causata, per molti addetti ai lavori, dall’assenza del fantasista veneto. Ma Alex non è d’accordo: “Non dite che sono il salvatore della patria perché non corrisponde a verità. Allo stesso modo era falso quando tutti dicevano che ero un peso per la squadra. Di sicuro questo è il mio momento migliore dopo l’infortunio di Udine, in allenamento sento le gambe rispondere a dovere, provo sensazioni positive: tutto questo mi carica molto”.

Il ritorno in gran forma coincide anche con un atteggiamento più ottimistico sul suo futuro in bianconero: “Giocare bene da più sicurezza sia a me che alla società. Diciamo che le nostre volontà di trovare un accordo a fine anno si sono molto avvicinate..”

I corsi e ricorsi storici iniettano ulteriore fiducia nel suo animo: “La Roma sta disputando un campionato eccezionale, ma spero che la fortuna si ricordi di noi come ha fatto la stagione scorsa con la Lazio. I biancazzurri erano reduci da un torneo perso sul filo di lana contro il Milan e vinsero il tricolore per un soffio ai nostri danni. Se c’è giustizia stavolta tocca a noi…”.

Lo scandalo-passaporti che sta emergendo in maniera sempre più eclatante nel calcio italiano induce Alex ad una riflessione: “Ricordo quando nel mirino c’eravamo noi con la questione del doping: ebbene, lasciammo che la giustizia facesse tranquillamente il suo corso senza angosciarci, perché chi ha la coscienza pulita non deve temere nulla…”.

Arbitra Collina, Tacchinardi unico dubbio

La Juve partirà sabato pomeriggio per Roma dopo aver sostenuto l’ultimo allenamento mattutino (ore 11) allo stadio Comunale. Come di consueto al venerdì, la seduta era facoltativa ma vi hanno preso parte quasi tutti i bianconeri, divisi tra gli esercizi in palestra e le partitelle a calcio-tennis.

Destano qualche preoccupazione le condizioni di Alessio Tacchinardi: il centrocampista lombardo aveva già lasciato a metà l’allenamento di giovedì per un dolore al ginocchio destro, ma il medico juventino ha comunque precisato che la presenza di Tacchinardi all’Olimpico non è da mettere in dubbio.

Per quanto riguarda il resto della formazione, Birindelli e Conte sembrano favoriti sulla fascia destra rispetto a Paramatti e Zambrotta; Tudor ha vinto il ballottaggio con Ferrara e farà coppia centrale insieme a Montero, mentre in avanti spazio al duo Inzaghi-Del Piero.

Arbitrerà il viareggino Collina (come tre anni fa in occasione del contestato Lazio-Juventus 0-1, quando i biancazzurri si lamentarono per la mancata concessione di un penalty causato da un presunto fallo di mano in area di Iuliano), coadiuvato da Zuccolini e Pisacreta. La partita inizierà alle 20.30 in concomitanza con Reggina-Roma.

Questa quindi la probabile formazione anti-Lazio:

Van der Sar;

Birindelli, Tudor, Montero, Pessotto;

Conte, Tacchinardi, Davids;

Zidane; Del Piero, Inzaghi.

di Roberto Grossi