Da Torino ad Atene a nuoto

aprile 25, 2004 in 006 da Redazione

bogiatto - nuotoSembrava di rivivere le grandi stagioni del passato alla premiazione tenutasi presso lo Sporting Club Torino degli atleti torinesi qualificatisi per le prossime Olimpiadi di Atene.

Sei nuotatori torinesi (Loris Facci, Alessio e Chiara Boggiatto, Andrea Beccari, Filippo Magnini, Federico Cappellazzo) hanno raggiunto l’ambito traguardo. Di questi ben quattro (Facci, Magnini, Cappellazzo e Beccari) fanno parte della storica società torinese (nata nel lontano 1899) Rari Nantes.

Magnini, Beccari e Cappellazzo formeranno i tre quarti della staffetta 4X200 stile libero della nostra nazionale olimpica. Per la Sisport-Fiat ci saranno Chiara Boggiatto, nuova primatista italiana nei 200 rana nei recenti campionati italiani di Livorno, che alle Olimpiadi sarà impegnata nella 4X100 mista, e il suo più celebre fratello Alessio, campione del mondo a Fukuoka, impegnato nei 200 e nei 400 misti.

Questa en plein del nuoto torinese assume ancora maggiore importanza se si considera la situazione di disagio che tre delle nostre maggiori società (Centro Nuoto, Libertas e Rari Nantes Torino) si trovano ad affrontare. Con la chiusura della piscina olimpica di Corso Sebastopoli si sono trovate nella paradossale situazione di non avere un posto dove allenarsi e solo nell’ultimo mese hanno avuto la possibilità di farlo presso il Centro Sisport Fiat di Corso Moncalieri.

Da questo punto di vista comunque le cose avranno un netto miglioramento. E’ quanto assicura il Presidente Regionale degli Sport Acquatici Marco Benati che pronostica un futuro più roseo per Torino, con la ristrutturazione dell’impianto nell’area dello Stadio Comunale con piscine scoperte e coperte, che andrebbero ad aggiungersi a quelle già presenti al Centro Sisport.

Molto significativo è stato l’intervento del Presidente della società di nuoto Rari Nantes che ha voluto sottolineare come questo risultato di grande prestigio per Torino sia solo la raccolta di ciò che si è seminato in passato. Già negli anni ’60 infatti il capoluogo piemontese si era proposto come una realtà a livello nazionale, anche grazie alla stessa Rari Nantes che fu la principale promotrice del progetto della costruzione della piscina Olimpica di Corso Sebastopoli, attualmente chiusa per i lavori nell’area in vista delle Olimpiadi invernali.

In conclusione c’è stato spazio per qualche battuta da parte degli atleti i quali si sono augurati di ripetere i grandi risultati di Sidney. Soprattutto Emiliano Brembilla, invitato per l’occasione come special guest non essendo egli torinese, si è augurato di chiudere il conto aperto che ha con i Giochi Olimpici, che per ben due volte ad Atlanta e a Sydney l’hanno visto “medaglia di legno” nei suoi 400 sl.

Per questo ha sostenuto di essersi allenato con impegno e costanza qui a Torino, sperando che la fortuna lo accompagni in questa sua avventura in terra greca.

Alla fine un bel rinfresco e l’occasione giusta per augurare a tutti un grosso in bocca al lupo affinché i nostri atleti tengano alto l’onore della nostra città.

LINK:

Sito della Federazione Italiana Nuoto

Sito della Comitato Regionale del Piemonte della Federazione

Sito della Rari Nantes

Sito del Centro Nuoto Torino

Forum completamente dedicato al mondo del nuoto e alle sue tematiche

di agente Sebastiano Mana