CINEMAMBIENTE

ottobre 7, 2009 in Spettacoli da Redazione

Cinemambiente 2009Prende il via l’8 ottobre la XII edizione del festival CinemAmbiente, principale evento italiano di cinematografia ambientalista, con un cartellone di oltre cento film.

Come ha spiegato nella conferenza di presentazione il Direttore del Festival, Gaetano Capizzi, Nell’anno dell’austerity della cultura torinese, il Festival CinemAmbiente torna ad aprire la stagione autunnale dei festival torinesi.

L’eccezionale afflusso di pubblico dell’anno passato, le circa 200 repliche parziali in tutta Italia, il nuovo progetto di distribuzione web per le scuole e la ricca proposta di oltre cento film, frutto della selezione di un migliaio di opere visionate, sono le premesse tutte positive dell’edizione di quest’anno.

In occasione della manifestazione “Uniamo le Energie” della Regione Piemonte, il festival proporrà negli spazi di Torino Esposizioni, (in cui si svolgerà anche la serata inaugurale dell’8 ottobre), un focus di circa trenta film, su temi come il picco del petrolio, il nucleare, il caos climatico, le energie rinnovabili, e un programma di filmati storici prodotti da ENI ed ENEA.

Il cuore del festival rimane il Cinema Massimo che ospiterà i concorsi, il Panorama, la sezione sui diritti umani organizzata in collaborazione con Amnesty International, Ecokids e i dibattiti.

Il Circolo dei Lettori sarà la sede dei consueti Aperitivi Letterari con la presentazione di quattro libri sull’ambiente, mentre il Museo Regionale di Scienze Naturali ospiterà altre proiezioni per le scuole.

Alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo verrà presentata una selezione di video art ambientalista, mentre il cinema Monterosa e la Cascina Marchesa, entrambi nella CircoscrizioneVI, e il Circolo Taurus di Ciriè ospiteranno repliche dei film in competizione.

Altre proiezioni per le scuole illumineranno gli schermi in circa dieci comuni della provincia di Torino e della Regione Valle D’Aosta.

L’intero gruppo dei film vincitori sarà replicato nei giorni successivi al Festival dell’Ambiente di Rimini in occasione di “Ecomondo”, la principale fiera dell’ambiente italiana.

Articolato nella sua proposta culturale e radicato nel territorio, in grado di proporre film rigorosi dal punto di vista scientifico ma coinvolgenti per il grande pubblico, Cinemambiente è il principale evento italiano di cinematografia ambientalista, uno dei filoni più dinamici e innovativi del cinema contemporaneo, presente ormai a pieno titolo nei grandi festival di documentari di tutto il mondo. ha sottolineato ancora Capizzi.

Nei suoi dodici anni di attività, il Festival si è affermato come la manifestazione che lavora più in profondità su questo filone ed è riconosciuto come punto di riferimento internazionale perautori, distribuzioni e altri festival.

Diversi i percorsi tematici di quest’anno: dalla crisi economica mondiale con le sue ripercussioni ambientali, allo sfruttamento delle risorse, al traffico e alla mobilità sostenibile, ai rifiuti, al riscaldamento climatico, all’alimentazione, alla bioetica, alla storia del movimento ambientalista, alla censura delle immagini nei paesi totalitari, agli stili di vita ecocompatibili e alle famiglie che normalmente li adottano.

Film e autori dai cinque continenti si incontreranno nella nostra città per una settimana di festa all’insegna della salvaguardia del pianeta e delle future generazioni.

Per ribadire il valore formativo della manifestazione, pur nelle difficoltà finanziarie generali, l’ingresso alle proiezioni rimane gratuito, ma per evitare le lunghe code dello scorso anno è necessario ritirare un biglietto gratuito alla cassa del cinema Massimo, mentre per le scuole è necessario prenotare.

di Redazione