Canto dell’unicorno

agosto 30, 2010 in Poesie da Redazione

Omaggio a GalileoCanto in do minore XXIX

(o madrigale – dell’unicorno)

Così, allora apparve, tra l’ombra

– e il suo silenzio!

quasi solo fosse

il – punto – dell’istante

a tran-sito di un sogno –

e il corno – cresciuto sulla fronte!-

fu – luce

di nostra estrema voce,

lunga – e più sottile:

essenza del sempre che rimane

per fondere sul giorno

bagliori – di semplice ricordo,

prove – del nostro – essere presenza

Canto dell’unicorno in do maggiore 1.I

sono il tempo

nato – solo in sogno

lume – di questa

sola ipnosi

sono – a vostra forza –

vita – già compiuta –

atto – dell’estasi-che-guarda

cieche – vostre stanze

armarsi

-tutte – di bellezza, come

fosse sempre

una – notte ferma

l’eco – della terra

Canto dell’unicorno in do maggiore 1.II

gover-nami nel tempo

del vostro sollevato

verso – questo fumo –

nel regno – fondato per intero!-

sul vostro – solo sogno,

sul vento – dell’albero-che-tace

alzando già a ponente

e l’acqua – e il pianto

e l’aria – della luce –

e quanto – se vivo –

è sosta – a desiderio

di Silvia Comoglio