Camolese si gioca l’ultimo jolly

ottobre 15, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

Dopo una settimana di riflessione, in seguito al disastroso cappotto subito dal Milan, Giancarlo Camolese ha deciso di interrompere il silenzio, presentandosi dai giornalisti in sala stampa per fare il punto sulla critica situazione dei granata in classifica e sulla prossima gara contro il Chievo.

“Dopo il match contro i rossoneri avevo preteso una riflessione da parte di tutti su quanto era avvenuto a San Siro. Trascorrere una domenica così non è stato piacevole per nessuno, come non è stata piacevole la contestazione che ne è seguita. Per fortuna, il calcio di offre sempre la possibilità ricominciare”, ha dichiarato il tecnico granata, il quale non si ritiene preso di mira dai tifosi, nonostante alcuni ultrà ne abbiano richiesto le dimissioni. “Dopo una delusione la gente ha tutto il diritto di esprimere il proprio disappunto. Per quanto mi riguarda, non ho mai pensato di mollare, perché mi hanno insegnato che bisogna sempre reagire di fronte alle difficoltà. Arrendersi sarebbe troppo facile. D’altronde mi è già capitato di vivere dei momenti simili, sia come giocatore che in questi due anni da allenatore del Torino. E lo stesso vale per i giocatori, anche se essere contestati dai propri tifosi non fa mai piacere. Ora sta a noi riportare il Torino ad una classifica migliore”.

Domenica la squadra granata è attesa dalla sfida con il Chievo, una partita che il Toro non può permettersi di sbagliare, come ammette lo stesso Camolese: “Il risultato di domenica è molto importante, perché lo zero in classifica è pesante, soprattutto dal punto di vista psicologico. Domenica sarà sicuramente una partita tesa e carica di nervosismo, ma confido che i ragazzi riescano a gestire questa situazione, essendoci già passati. La cosa più importante sarà giocare con raziocinio, a differenza di quanto è accaduto nelle ultime due gare contro Modena e Milan”.

Contro gli scaligeri il Toro recupererà alcuni giocatori importanti, il che potrebbe anche indurre il tecnico ad apportare alcune modifiche nella formazione: “Può essere che qualche giocatore abbia bisogno di riposare, tenendo anche contro che quella contro il Chievo è solo la prima delle tre partite che ci aspettano nei prossimi sette giorni”.

Dopo la gara contro il Chievo, potrebbe arrivare un rinforzo. Si tratta di Riccardo Maspero, un ex che Camolese accoglierebbe a braccia aperte: “Uno con le sue caratteristiche al Toro farebbe davvero comodo, anche perché dei due centrocampisti che avevo richiesto alla società è arrivato solo Conticchio, in quanto l’infortunio di Franco ci ha obbligati a prendere un altro attaccante”.

Contro il Chievo mancherà Cristiano Lucarelli, il quale dopo la seduta mattutina ha avuto un teso faccia a faccia con un tifoso che lo aveva contestato, rinfacciandogli di non segnare in campionato dallo scorso gennaio (Torino-Lazio 1-0 con gol dell’ex leccese, n.d.r.).

di Giovanni Rolle