Borgaro, parte la nuova era Toro

aprile 20, 2001 in Sport da Giovanni Rolle

Dopo la doccia fredda per il Filadelfia, Cimminelli si consola con il nuovo centro sportivo di Borgaro. I lavori per la costruzione della “Cittadella del Torino” inizieranno già nella prossima settimana, a soli tre mesi dalla presentazione del progetto. Secondo i piani della dirigenza granata una prima parte del centro sportivo (comprensiva di due campi da calcio, una palestra ed il ristorante) dovrebbe essere già pronta per il prossimo agosto, in modo di permettere alla squadra di abbandonare Orbassano e trasferirsi a Borgaro in occasione della ripresa dei campionati all’inizio della prossima stagione.

Con questo importante annuncio il Torino ha festeggiato il primo anno della gestione di Francesco Cimminelli ed il cinquantatreesimo compleanno del presidente Romero. Oltre ad ospitare gli allenamenti della prima squadra, il nuovo contro di Borgaro diventerà la “casa” del Torino, dove cresceranno i campioni del futuro: “Quelli che una volta venivano chiamati i ragazzi del Filadelfia domani saranno i ragazzi di Borgaro”, ha detto lo stesso Cimminelli nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri presso l’hotel Atlantic di Borgaro, a cui hanno partecipato anche il sindaco di Borgaro Giuseppe Vallone e l’ex presidente granata Giuseppe Aghemo, da poco rimessosi dopo un delicato intervento chirurgico. Oltre ai nove campi da calcio il progetto prevede varie attività collaterali, sia di carattere sportivo che commerciale, tra cui una foresteria in grado di ospitare tutti i ragazzi del settore giovanile provenienti da fuori Piemonte. Il centro sportivo granata sorgerà su una superficie complessiva di 530.000 mq ed avrà un costo preventivo che si aggira sugli 80 miliardi. L’unica difficoltà è rappresentata dal progetto di costruzione, già approvato dalla amministrazione provinciale, della circonvallazione di raccordo di Venaria e Borgaro con la statale, la quale dovrà venire spostata di una cinquantina di metri per evitare che passi sopra al campo di allenamento.

Nel frattempo, la squadra di Camolese è al lavoro in vista della sfida di domenica prossima contro il Genoa. All’allenamento di ieri erano assenti Mendez e Diawara, al quale è stato sottratto un dente, mentre si sono allenati a parte Scarchilli, Garzya, Lopez e Jurcic. Si è invece aggregato ai compagni Schwoch, che ha anche preso parte alla partitella ma difficilmente potrà giocare da titolare contro i rossoblù. I granata Castellini e Calaiò sono stati convocati rispettivamente nelle nazionali Under 21 ed Under 20.

di Giovanni Rolle