Atalanta-Juve 2-5 : Tornado bianconero a Bergamo

novembre 8, 2009 in Sport da Tomas

pagelle juve

400 gare in Serie A, a cui vanno aggiunte quelle fatte in Spagna, quelle nelle coppe e in Nazionale. Fabio Cannavaro festeggia nel migliore dei modi l’ ennesima presenza nel campionato italiano, assistendo non passivamente ad una bella vittoria, anche se non immune dai soliti pericoli che vengono dalle fasce. La squadra ha imposto il proprio gioco reagendo bene ai due gol dell’Atalanta, permettendo nel finale a Trezeguet di raggiungere Omar Sivori nella classifica dei cannonieri bianconeri di tutti i tempi:

Reti in bianconero

262 Del Piero Alessandro

179 Boniperti Giampiero

178 Bettega Roberto

167 Sivori Omar Enrique – Trezeguet David

Alessandro Del Piero resta irraggiungibile, ma Bettega e Boniperti potrebbero essere raggiunti già in questa stagione. «Non me lo sarei mai aspettato quando sono arrivato qui alla Juventus.”. Queste le parole del franco argentino, contento a tal punto da cominciare a pensare seriamente di restare in bianconero anche la prossima stagione. Ferrara è al settimo cielo per il successo, il bel gioco mostrato, ma soprattutto per la reazione avuta dai suoi dopo le reti atalantine che avrebbero potuto riportare alla mente i fantasmi partenopei dell’ Olimpico. Camoranesi dimostra di essere in un momento di forma davvero strepitoso, segnando una doppietta nel giro di un minuto nel primo tempo e distribuendo palloni assieme a Diego in mezzo al campo. Melo spinge i bianconeri al 3 a 1 dopo il goal di Valdes e Diego spegne definitivamente le speranze nerazzurre firmando il goal del 4 a 2 con un inserimento in area che ricorda molto quelli che faceva spesso in Germania. Grosso a sinistra e Caceres a destra devono faticare a ripiegare dopo le avanzate a supporto dell’ attacco e spesso non ci riescono nel migliore dei modi, mentre l’ unico forse a steccare veramente è stato Giovinco, poco incisivo in una serata in cui è mancata proprio la sua realizzazione. La squadra di Conte ha giocato a viso aperto, cercando di sfruttare il gioco sulle fasce di Ceravolo e Valdes, proprio gli autori dei due goal che potevano riaprire la partita, ma questa volta, anche per le carenze difensive dei bergamaschi e la notevole differenza tecnica dei bianconeri, la beffa non è riuscita.

  • Queste le squadre che son scese in campo:

    ATALANTA (4-4-2): Consigli; Garics, Talamonti, Peluso, Bellini; Ceravolo, Paodin, Guarente, Valdes; Doni, Tiribocchi (41’ st Madonna).

    A disposizione: Coppola, Pellegrino, Bianco, Caserta, Tiboni.

    All. Conte.

    JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon 6; Caceres 6, Cannavaro 6.5, Chiellini 6.5, Grosso 6; Poulsen 6.5, Felipe Melo 7; Camoranesi 8, Diego 6.5 (43’ st Immobile s.v.), Giovinco 5.5 (27’ st De Ceglie 6); Trezeguet 7.

    A disposizione: Manninger, Legrottaglie, Grygera, Molinaro, Tiago.

    All. Ferrara.

    RETI: 36’ pt e 37’ pt Camoranesi, 6’ st Valdes, 10’ st Felipe Melo, 26’ st Ceravolo, 40’ st Diego, 42’ st Trezeguet.

  • La partita

    La gara inizia nel segno della Juventus, ma la prima occasione arriva solo al 10° quando Camoranesi si accentra e lascia partire un tiro che viene deviato in angolo. Al 15° Valdes cerca a sinistra Tiribocchi che in area tenta il tiro ma finisce di poco fuori. Dopo una punizione sbagliata da Diego è Grosso che sbaglia il controllo e per poco Ceravolo non ne approfitta, Buffon deve uscire ad anticipare l’ avversario. Al 28° Caceres crossa da destra per la testa di Trezeguet che segna ma in fuorigioco. Ci sarà da aspettare fino alla fine per brindare. Dopo una punizione pericolosa che mette Doni nelle condizioni di tirare, al 36° ed al 37° la svolta. Camoranesi prima viene servito da destra da Grosso per il tocco di testa in rete, e poi piazza il tiro dal limite per lo 0 a 2. Classe, furbizia e personalità delle quali questa Juve non può far meno. Giovinco si fa vedere nel finale con un cross pericoloso che viene deviato in angolo, mentre Buffon nei minuti di recupero blocca la conclusione al volo di Guarente. La ripresa è ancor più bella perché proprio all’ inizio l’ Atalanta trovo il goal dell’ 1 a 2 con Valdes. Guarente al 6° lancia il compagno a sinistra che, rincorso inutilmente da Caceres, piazza la palla sotto a Buffon. I bianconeri non ci stanno e creano subito due occasioni che finiscono in rete ma non concesse per fiorigioco. Al 10° Melo incornicia una prestazione finalmente degna di nota con un tiro da sinistra che finisce all’ incrocio. I bianconeri continuano a giocare alti per chiudere definitivamente la partita, ma prima Valdes al 25° da sinistra non trova di poco la rete e poi al 26° è Ceravolo da destra che prova la conclusione a giro che supera Buffon. L’ Atalanta ci crede ma questa volta la squadra di Ferrara è troppo assetata di vittoria, così nel finale arrivano il goal di Diego al 40° da cross alla destra di Camoranesi e la ciliegina della serata di David Trezegue su cross di Chiellini che viene deviata da De Ceglie e scaraventato in rete dal numero 17 bianconero.

    Stecca la Sampdoria a Cagliari, mentre il Milan è corsaro all’ Olimpico di Roma contro la Lazio. La Fiorentina rimaneggiata esce vincente dal Friuli mentre Bari e Parma continuano nella loro ottima prova di inizio stagione vincendo in casa con Livorno e Chievo. La Roma blocca a S. Siro l’ Inter che ora ha “solo” 5 punti di vantaggio.

    di Tomas