Aspettando la maratona

marzo 27, 2001 in Sport da Claris

16978Torino, tranne casi eclatanti come le Olimpiadi invernali, sembra troppo spesso rinunciare a un ruolo di capitale europea dello sport, a un’immagine di metropoli delle competizioni che pure le apparterrebbe, sia per gli aspetti geografici, sia storici-culturali. Sotto quest’ultimo profilo, non è secondaria né la presenza di squadre e atleti plurivincitori di titoli nazionali ed europei (atletica, calcio, pallavolo, rugby, …), realtà non sempre consolidata, ma continua nella sua rotazione, né la promozione di eventi sportivi di interesse assoluto, dalla finale del Gran Prix di atletica (’92) all’annuale meeting Iaaf, dai mondiali di cross al tradizionale appuntamento con la Maratona.

E proprio la Turin Marathon quest’anno si rinnova, o meglio prosegue nel percorso di crescita verso la notorietà e la reputazione di gara di assoluto livello competitivo e logistico che le compete. Alla decana delle maratone italiane (ricordate la progenitrice Torino – Susa – Avigliana?) l’augurio di essere al centro dell’attenzione dei top runner stranieri di maggior pregio in un anno favorevole, essendo non olimpico.

Per continuare su una strada innovativa per l’Italia (ma che ha illustri predecessori esteri), l’evoluzione organizzativa non riguarda solo gli aspetti sportivi, ma propone per tutti i cittadini momenti di festa capaci di coniugare aspetti sociali e culturali.

La data innanzitutto, il 1° aprile (e non è uno scherzo!), con la speranza che il periodo sia una collocazione definitiva nel calendario internazionale e non una data troppe volte ballerina… si sa che New York e l’inizio di novembre sono un binomio inscindibile…

La Turin Marathon, all’undicesima edizione quest’anno, viene poi premiata da un evento concomitante, significativo riconoscimento per la qualità organizzativa della gara. Torino il 30 ed il 31 marzo prossimi è, infatti, sede del Congresso Mondiale AIMS (Associazione Mondiale Maratone e Corse su Strada), grande assise di tutti i più importanti organizzatori di corse su strada del mondo.

Non mancano poi le manifestazioni di contorno alla gara regina, quelle che rinsaldano l’unione della cittadinanza ed il clima di festa che si crea attorno ad un evento che proietta Torino alla ribalta internazionale.

Chi non se la sente di correre tutta la maratona può, come nella scorsa edizione, vivere il fascino del grande evento partecipando a Maratonando, una non competitiva di 5 Km con partenza in contemporanea con la 42 chilometri. Melemaratona accontenta la voglia di correre in libertà dei più piccini, che hanno la possibilità di percorrere l’ultimo chilometro della maratona, in molti casi il primo della loro vita, fianco a fianco con i buffi personaggi della Melevisione, protagonisti della striscia quotidiana per bambini di Rai 3. Il tutto con il privilegio di una finestra nella diretta televisiva della gara.

Novità dell’anno la preziosa collaborazione con il Provveditorato agli Studi che consentirà di far diventare grandi protagonisti delle due competitive legate alla Turin Marathon gli studenti delle scuole torinesi, coinvolgendoli in una festa di sport ricca di suggestioni.

Nei giorni precedenti la manifestazione sarà tutto un fiorire di eventi ed iniziative, tra i quali spiccano Mast (Congresso Mondiale AIMScorrere in libertà dei più piccini) da venerdì 30 marzo a domenica 1° aprile, nella sede storica del Palavela, e, in concomitanza con il Congresso Mondiale delle Maratone, una serie di conferenze e tavole rotonde su varie tematiche.

Tra le numerose attività collaterali che caratterizzano le giornate pre maratona si segnalano due spettacoli musicali: venerdì 30 marzo, presso il Palastampa, Gianni Morandi conclude la sua tournée e riceve un riconoscimento dal presidente Mondiale delle Maratone, Hiroaki Chosa, e dal Sindaco della Città come ringraziamento per quanto fatto a favore della promozione delle maratone.

Sabato 31 marzo, in piazza San Carlo, Radio Rai organizza uno spettacolo con la presenza di artisti di fama internazionale. Con la stipula di un accordo di collaborazione con Radio Rai la maratona torinese si è infatti garantita la copertura radiofonica della manifestazione lungo tutte le fasi di preparazione e di svolgimento, sia per quanto riguarda l’evento sportivo, sia in merito agli eventi collaterali. Ciò si va ad aggiungere alla collaborazione consolidata con Rai Sport, che manderà in onda per oltre tre ore in diretta televisiva su Rai 3 Nazionale la maratona e, nei giorni precedenti, seguirà l’evento con servizi ed interviste.

Insomma per tutti è un’occasione unica per essere protagonisti di un grande evento sportivo, e non solo, in quella che per qualche giorno diventerà la capitale del mondo delle corse su strada.

di Claris