Al Nuovo la Danza da “Favola”

dicembre 10, 2007 in Spettacoli da Gabriella Grea

inakiInaki Urlezaga & Ballet Concierto Lo schiaccianoci, 7-8 dicembre 2007

Croatian National Ballet Theatre Il lago dei Cigni, 11-12 dicembre 2007

Ormai il Natale fa capolino tra i giorni del calendario, tra cene di rappresentanza e obblighi familiari regaliamoci una serata nel mondo dei balocchi e delle favole; in quell’universo di semplici magie, dove anche un insignificante Schiaccianoci può diventare compagno di giochi, animato dalla nostra fantasia.

Inaki Urlezaga strizza l’occhio alla modernità e con un azzardo multimediale ci porta nel sogno di Clara ed i suoi giovani ballerini- cresciuti nella sua scuola ed in quella del teatro Colòn_ mantengono vivida la suggestione.

Pregevole la tecnica e la pulizia del gesto del piccolo schiaccianoci, dei danzatori spagnoli e dell’eterea Salomè; splendido maestro di scena Inaki Urlezaga, dotato di prestante figura scenica unita ad una tecnica classica impeccabile, nonché del savoir faire dell’étoile che non adombra con il suo esuberante talento la performance della Fata Confetto- Dulcinea, cui basterrebbe vincere l’emozione per essere ancora più convincente ed espressiva, in grado di confrontarsi con i “fratelli maggiori” esibitisi nei giorni scorsi al Regio.

ElianaBravi! Un crescendo di emozioni dal Carnevale di Venezia al secondo atto de “Lo Schiaccianoci”, passando per il Grand Pas de Deux del terzo atto del Don Chisciotte.

Inaki Urlezaga si conferma ilnuovo astro argentino del balletto, succede a Julio Bocca e Maximiliano Guerra, presentandosi come uno dei danzatori più completi tra i ballerini classici contemporanei. Fonda la compagnia Ballet Concierto nel 1998 e già l’anno successivo vince il premio “Estrella de mar” per la miglior performance di balletto: meriti ed onori rigorosamente da dividere con i due maestri Esmeralda Aguglia e Lilion Giovine, direttori della scuola.

Sempre attuale la favola di Hoffmann, proposta per la prima volta nel 1892, su musiche di Tchaikovsky e coreografie di Petipa, lascia Torino, senza però lasciare vuoto il palcoscenico del Nuovo: ecco un cigno, un lago, una burletta che Tchaikovsky ha composto per la famiglia, Il Lago dei Cigni. Priva dell’alto livello formale compositivo dello Schiaccianoci e della Bella Addormentata, ma intriso della profonda melanconia e amarezza che attraversano Tchaikovsky al tramonto della sua tormentata esistenza, Il lago dei cigni arriva al Nuovo maretedì 11 e mercoledì 12 dicembre, presentato dal Croatian National Ballet Theatre. Il teatro di Spalato è stato fondato nel 1892, proprio mentre a Mosca andavano in scena le prime rappresentazioni dei 3 poemi Tchaikovskiani, anche se la scuola di danza nasce tra gli anni trenta e quaranta del novecento, con il contributo decisivo di Ana Roje, che darà l’avvio all’età dell’oro del balletto croato, riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo.

Sud-america, Argentina versus Europa dell’Est- Croazia: vincerà la sfida la sensualità del cigno nero “ispanico” Odile o l’angelica e altera Odette dalle lande slave?

Vi aspetto nei prossimi giorni nel foyer del teatro per accese diatribe!

Adesso però le ballerine del carillon riposano in attesa di un nuovo giro di carica, è sceso il buio, per tutti è tempo di riposo… Ancora un trillo, un ultimo inchino e … Si apre la valigia dei sogni!

Teatro Nuovo

C.so Massimo D’Azeglio 17

tel 011.6500205

Biglietteria

lun-ven 10-21

sabato 10-19

domenica e festivi 15-19

www.teatronuovo.it

di Gabriella Grea