Adattarsi in Città

marzo 2, 2010 in Fotografia da Stefania Martini

Oggi la città rappresenta uno degli ambienti più dinamici i cui continui cambiamenti costituiscono una delle sue caratteristiche più peculiari. A questi cambiamenti non si è adattato solo l’uomo, ma anche gli animali selvatici e le piante spontanee.

Adattarsi in cittàL’obiettivo del concorso fotografico Adattarsi in città, correlato alle iniziative organizzate nell’ambito della mostra “La Scimmia nuda. Storia naturale dell’umanità” dal Museo Regionale di Scienze Naturali e della società cooperativa Arnica, è stato quello di invitare tutti a scoprire e raccontare con le immagini come la vita si è adattata all’ambiente urbano, ponendo particolare attenzione a come l’uomo, la fauna e la flora si siano adeguate alle condizioni ambientali della città.

Partendo dal concetto darwiniano di adattamento, definito come la capacità dei viventi di modificare alcuni aspetti anatomici, fisiologici o comportamentali in modo da adeguarsi ai cambiamenti delle condizioni ambientali esterne, il concorso ha quindi come tema l’adattamento ad un particolare ambiente, quello urbano.

Al concorso, organizzato in due sezioni distinte, “L’Uomo” e “La Fauna e la Flora”, hanno partecipato una sessantina di fotografi provenienti dal Piemonte ma anche dalla Liguria e dalla Sardegna, presentando oltre 160 fotografie.

La giuria del concorso, formata da Dario LANZARDO, Gianni BOSCOLO, Giuseppe MISURACA, Stefano CAMANNI e Francesca OLIARO, ha individuato le prime 15 fotografie classificatesi per ogni categoria.

La sezione “L’Uomo” è stata vinta da Gian Luigi Ricardo con la fotografia “Adattamento solidale”.

Si sono classificati al secondo posto Bruno Bostica con “Dopo il mercato” e al terzo posto Giorgio Bigi con “L’uomo che si modifica”.

La sezione “La Fauna e la Flora” è stata vinta da Maria Luisa Bertoglio con la fotografia “Storni”.

Si sono classificati al secondo posto Alessandra Scoffone con “Una fontana al posto del Mississipi” e al terzo posto Paolo Leone con “Isolotti semi-artificiali”.

Le 30 fotografie vincitrici, più altre ritenute meritevoli, sono esposte al pubblico fino al 4 aprile.

Adattarsi in città

Fino al 4 aprile 2010,

Museo Regionale di Scienze naturali, via Giolitti 36 – Torino.

Orario: 10,00 – 19,00 tutti i giorni, chiuso il martedì.

Ingresso: Euro 5,00 intero, Euro 2,50 ridotto.

di Stefania Martini