Ad Asti con GoWine

ottobre 25, 2001 in Enogastronomia da Stefano Mola

Formazione: Avanà (Sibille – Gravere); Barbera (F.lli Dezzani – Cocconato); Freisa (Coppo – Canelli); Gamba di Pernice (Tenuta dei Fiori – Calosso); Malvasia Nera di Casorzo (F.lli Biletta – Casorzo); Moscato (Cà ‘d Carussin – S. Marzano Oliveto); Nascetta (Elvio Cogno – Novello); Neretto di San Giorgio (Cieck – Agliè); Pelarverga Piccolo di Verduno (Burlotto – Verduno); Rossese Bianco (Giovanni Manzone – Monforte); Ruchè (Cantine Sant’Agata – Scurzolengo); Timorasso (Ass. Coltivatori del Timorasso – Tortona); Uva Rara Primigenia (Antichi Vigneti di Cantalupo – Ghemme).

Si, lo so che sono 13 e non 11, ma vorrete mica sottilizzare? O forse avete paura di non reggere il campo di fronte a dribbling (potenzialmente…) ubriacanti?

Mi sembra più probabile che desideriate conoscere il campo di gioco, nonché la data: Venerdì 26 ottobre 2001 dalle ore 20.30 alle ore 23.00, nell’antica ed elegante ambientazione sotterranea della “Cantina Reale d’Asti” in piazza Alfieri.

Chi ha messo insieme questa “selecao”? Chi vi propone questa ricca (e gratuita) degustazione? L’associazione tra turisti del vino “Go Wine”, nata nei primi mesi di quest’anno e già organizzatrice di manifestazioni di grande rilievo in alcune regioni viticole italiane.

Nell’ambito della serata verrà anche presentata “L’Enoteca dei Vitigni Autoctoni del Piemonte”, tra le principali attrazioni nell’ambito della manifestazione “Cucina & Cantina”, in programma ad Asti il 17 e 18 novembre (tensostruttura riscaldata nella centrale via Godetti).

Parteciperanno alla serata alcuni produttori di questi vini, molti dei quali molto rari e di limitatissima produzione, da vitigni storici piemontesi. Alle ore 21 e 30 il prof. Giorgio Calabrese, noto dietologo astigiano, docente universitario e giornalista della carta stampata e televisivo, terrà una conversazione sul vino e sulle sue prerogative salutistiche.

L’appuntamento è ad ingresso libero. Sono invitati sia gli appassionati che i neofiti, che intendono avvicinarsi al mondo, in costante crescita, del turismo del vino e della conoscenza di ogni proposta enologica, comprese quelle meno consuete.

Per informazioni: 0173 364631 (sede di Go Wine ad Alba).

di Stefano Mola