A scuola da mamma canguro

luglio 11, 2005 in Medley da Redazione

CanguroLa Marsupioterapia o Tecnica di Mamma Canguro è stata applicata per la prima volta da un pediatra colombiano nel 1978. Questa tecnica antichissima e nuova al tempo stesso, è stata scoperta casualmente nell’Ospedale pediatrico di Bogotà un giorno in cui le incubatrici a disposizione non erano sufficienti per tutti i neonati. Il pediatra Llamado Edgar Rey Sanabria pensò di proteggere i bambini mettendoli sotto i vestiti delle rispettive madri a diretto contatto con la pelle, vera e propria incubatrice umana, per tutte le ventiquattro ore del giorno.

I neonati restano in posizione verticale a contatto con il seno materno.

Sebbene nei paesi poveri questo sia da sempre l’unico sistema per mantenere in vita i bambini, soprattutto se nati sottopeso, nei paesi più sviluppati il metodo della Marsupioterapia viene applicato in combinazione con le più avanzate tecnologie neonatali che, quantunque efficaci per potenziare lo sviluppo fisico e coprire tutte le esigenze fisiologiche del neonato, non possono soddisfarne le necessità affettive.

Per dare credibilità a questo metodo sono stati realizzati diversi studi e valutazioni. Attualmente in Colombia esiste un’organizzazione non governativa in cui opera un’équipe interdisciplinare di professionisti della salute che, tramite seminari e convegni, collaborano ad un programma di divulgazione e, quando è possibile di prevenzione di nascite prima del termine.

In Italia questo metodo è usato nei reparti di Pediatria di alcuni ospedali, soprattutto nel caso di bambini nati sottopeso, cioè sotto i 1500 grammi.

Ecco un elenco dei centri italiani che applicano la Marsupioterapia:

  • Ospedale Pediatrico Bambin Gesù, Roma, piazza S. Onofrio 4, tel. 06-68592346

  • Clinica Medica La Sapienza, Roma, via del Policlinico 15, tel. 06-44700668

    Ospedale S. Gerardo di Monza, via Donizetti, tel. 039-2331

  • Clinica Pediatrica di Padova, via Mazzini 14, tel. 049-8216111

  • Ospedale Burlo Garofalo, Trieste, via Istria 65, tel. 040-3785111.

    La pubblicazione di questo articolo rientra negli accordi di partnership tra il nostro magazine e Cidimu.it, sito specializzato nella diagnostica e medicina on line.

    di redazione Cidimu