12 medaglie italiane agli European & Mediterranean Indoor Archery Championships

marzo 8, 2008 in Sport da Cinzia Modena

GRANDI EMOZIONI NELL’ULTIMA GIORNATA DI TORINO 2008: Il tutto esaurito all’Oval, i 3 ori di Longo, Pagni e Galiazzo, e una raffica di grandi emozioni hanno incorniciato la manifestazione sportiva con un’Italia che chiude con un bottino di 12 medaglie complessive

Elena Tonetta, Marco Galiazzo, Sergio Pagni e Laura LongoGli XI European and Mediterranean Indoor Archery Championships si sono congedati dal pubblico torinese con una raffica di grandi emozioni. Un folto pubblico, che ha portato l’evento al “tutto esaurito” in fatto di biglietti venduti, ha trattenuto il fiato per le finali Seniores andate in scena sulla pedana centrale dell’Oval e poi ha sognato, effettuate tutte le premiazioni, per la suggestiva cerimonia di chiusura impreziosita dall’esibizione della Nazionale di ginnastica ritmica, che ha sancito il passaggio del testimone ai prossimi Europei che si terranno sotto la Mole, al PalaOlimpico dal 5 al 7 giugno.

Entusiasmo alle stelle per i tre ori centrati in sequenza dagli arcieri azzurri nelle finali individuali. In un crescendo irresistibile Laura Longo e Sergio Pagni hanno trionfato nell’arco Compound e Marco Galiazzo, l’olimpionico di Atene 2004, ha dato ancora saggio del proprio talento nell’arco Ricurvo sotto gli occhi delle telecamere della Rai. Nel medagliere italiano sono inoltre confluiti l’argento della squadra femminile di Compound e il bronzo di Elena Tonetta nell’Olimpico Individuale. Conteggiando le sette medaglie conquistate dagli arcieri Juniores, la Fitarco esce a testa alta da questi Campionati Europei e Mediterranei con la bellezza di 12 podi al proprio attivo (5 ori, 3 argenti e 4 bronzi).

Tra le prove del mattino e quelle del pomeriggio, c’è stato spazio per una sfida esibizione fra gli azzurri Juniores piemontesi Luca Fanti, Luca Melotto e Stefania Rolle e tre arcieri in carrozzina, Giuseppe Gabelli, Alberto Simonelli e Vincenzo Vitale, rappresentanti del Comitato Italiano Paralimpico piemontese. La gara è stata vinta dai normodotati per 235-211.

La cerimonia di chiusura ha poi sancito la riuscita di questi Campionati, organizzati con grande abilità dal Comitato presieduto da Ezio Ferro. Questi Europei potrebbero rappresentare solo il prologo ad altri grandi appuntamenti arcieristici: il presidente Fitarco ed Emau Mario Scarzella ha infatti fatto balenare in conferenza stampa la possibilità che Torino si candidi per ospitare il Campionato del Mondo 2011 di tiro con l’arco, sempre avvalendosi dello staff che ha lavorato con grande professionalità a questi Campionati.

ARCO COMPOUND INDIVIDUALE

Meritatissimo l’oro di Sergio Pagni nella gara maschile. Come dire altrimenti di un arciere che fa registrare 119 (a 116) in semifinale e 120 su 120 ( a 118) in finale? L’altro azzurro Antonio Tosco e l’olandese Elzinga – per quest’ultimo solo un “9” nella prima e nell’ultima volèe – non hanno potuto fare altro che arrendersi a una tale dimostrazione di autorità. A Tosco sfugge il bronzo, battuto sul filo di lana (116-115) dallo svizzero Hofer, in precedenza regolato da Elzinga per 118-116.

Bravissima anche Laura Longo nella gara femminile. Superata allo spareggio la britannica Hunt al termine di una semifinale dal punteggio basso (110-110), in finale sa tirare con regolarità approfittando delle sbavature infilate in sequenza dalla sua avversaria, la russa Goncharova, vincendo per 117-112. Hunt di bronzo grazie al successo per 115-111 sulla croata Buden (per lei in 1/2 un ko 116-115 con la Goncharova).

ARCO OLIMPICO INDIVIDUALE

Marco Galiazzo non tradisce le enormi attese che il pubblico torinese aveva riversato su di lui. 120-117 in semifinale contro l’olandese Van Den Bogaart, 119-118 nella finalissima con il russo Badenov: semplicemente straordinario, una macchina da “10”. Un ottimo biglietto da visita per le prossime gare stagionali. Bronzo all’ucraino Drutsul, dapprima sconfitto da Badenov per 118-117, poi battagliero e vincitore per 117-113 su Van Den Bogaart. Ad Elena Tonetta non riesce l’impresa di vendicare la compagnia Natalia Valeeva: l’ucraina Lobzhenidze, dopo aver estromesso nei ¼ la Campionessa del Mondo 2007, rifila un 115-113 alla 20enne di Rovereto. E’ comunque suo il bronzo grazie al successo 113-112 sulla polacca Mospinek.

ARCO COMPOUND A SQUADRE

Domina l’Olanda in campo maschile. Gli “orange” vincono al mattino contro la Svezia per 233-231 e al pomeriggio, sulla pedana centrale, contro la Finlandia (234-231). La Svezia non fatica a strappare un bronzo, lasciando a otto punti (231-223) la Turchia, in precedenza domata dalla Finlandia sempre con uno scarto netto (237-228). Peccato per le ragazze italiane, le uniche azzurre a centrare una finale di squadra: in finale la spunta per 227-225 la Russia, giustiziera in semifinale dell’Olanda per 227-223. In semifinale Paola Galletti, Laura Longo ed Eugenia Salvi avevano regolato per 228-225 la Gran Bretagna, poi terza grazie al netto 230-221 imposto all’Olanda.

ARCO OLIMPICO A SQUADRE

Alla squadra della Germania il titolo maschile: sconfitta in semifinale la Turchia per 234-226 e in finale la Francia per 231-226. I turchi si consolano con il bronzo conquistato per un solo punto (232-231) a spese della Spagna, battuta in precedenza dai francesi per 229-227. In campo femminile è la Russia a brindare: regolate in sequenza la Germania (227-222) e l’Ucraina (232-229). Sul gradino più basso del podio la Gran Bretagna, che si risolleva dal rovescio per 225-224 subìto dall’Ucraina dando un dispiacere, sempre per una sola lunghezza (229-228) alla Germania.

di Cinzia Modena